Annunci

I numeri di serie del missile che ha abbattuto l’MH17 dimostra che è stato prodotto nel 1986 – in possesso dell’Ucraina.

18 Settembre, 2018 fonte RT

I numeri di serie trovati sui detriti del missile Buk che abbattono il volo MH17 della Malaysian Airlines sull’Ucraina orientale dimostrano che è stato prodotto nel 1986, hanno detto i militari russi. Il proiettile era di proprietà dell’Ucraina, hanno aggiunto.

Ci sono due numeri seriali trovati su frammenti del missile, che hanno abbattuto l’aereo di linea passeggeri nel giugno 2014 secondo una squadra internazionale di investigatori guidati dai Paesi Bassi. I numeri erano segnati sul motore e sull’ugello del missile.

I militari russi lunedì hanno dichiarato di averli rintracciati a un missile che aveva il numero di serie del produttore: 8868720.

Parlando con i giornalisti, il gen. Nikolay Parshin ha mostrato una scia documentale del missile Buk. Secondo i documenti, alcuni dei quali sono stati declassificati per la presentazione, è stato prodotto in uno stabilimento militare a Dolgoprudny nella regione di Mosca nel 1986.

Il missile fu spedito dallo stabilimento il 29 dicembre 1986 e consegnato all’unità militare 20152 situata nell’attuale Ucraina. Ora si chiama 223esimo reggimento di difesa antiaerea delle forze armate ucraine, secondo il rapporto. L’unità ha partecipato alla repressione di Kiev sui ribelli nell’est dell’Ucraina nel giugno 2014, ha detto il generale.

L’evidenza smentisce le accuse dell’Ucraina e di alcuni altre parti, secondo cui un missile sparato da un lanciatore, segretamente consegnato dalla Russia, era responsabile per l’abbattimento di MH17, secondo il rapporto del Ministero della Difesa. Tutti i materiali sono stati inviati agli investigatori olandesi, ha aggiunto l’esercito russo.

L’esercito russo sfida anche le riprese video utilizzate dal gruppo inglese Bellingcat, che si definisce un’organizzazione di “libera stampa”, per sostenere le sue accuse sulla consegna del lanciatore Buk dalla Russia. Il Ministero della Difesa ha mostrato un video con alcuni filmati, evidenziando le incoerenze, che ha dimostrato che il filmato era stato manipolato per posizionare le immagini del programma di avvio in background che non erano nell’originale.

L’inchiesta di Bellingcat è stata presentata nell’ultimo aggiornamento dei pubblici ministeri olandesi coinvolti nell’indagine MH17, che li ha indotti ad accusare direttamente la Russia di fornire il lanciatore e il missile. L’esercito russo ha detto che dopo questo ha deciso di studiare la traccia presunta di prove fotografiche e video che mostrano in dettaglio il percorso del lanciatore. Il video russo ha mostrato un esempio di come un carro armato Abrams può essere trasportato da un rimorchio nelle strade dell’Ucraina allo stesso modo.

5b9f7ee1dda4c8904a8b45ac

La terza parte della presentazione è stata quella che i funzionari russi hanno definito un record di comunicazioni intercettate di funzionari ucraini che discutono, nel 2016, del rischio di volare attraverso lo spazio aereo limitato sull’Ucraina. Tra una raffica di lamentele, una frase dice che a meno che le restrizioni non siano rispettate “Fotteremo un altro fottuto boeing malese”.

I militari russi affermano che le lamentele arrivano dal Col. Ruslan Grinchak, che serve in una brigata responsabile del controllo radar nello spazio aereo ucraino. La sua unità ha tracciato il volo MH17 nel 2014, quindi potrebbe avere informazioni che non sono pubblicamente disponibili sul disastro, e il suo sfogo potrebbe essere stato piuttosto che iperbolico, hanno suggerito.

Il generale Igor Konashenkov, che ha ospitato il briefing, ha detto che l’Ucraina non è riuscita a fornire dati radar dalle sue stazioni agli investigatori olandesi. Ha anche suggerito che i documenti di archivio dell’unità ucraina, che ha ricevuto il missile Buk nel 1986, sarebbero stati utili alla sonda, a meno che Kiev non affermasse di non essere più disponibile.

Ha sottolineato che sono in vigore regole che significano che tali documenti dovrebbero ancora essere archiviati in Ucraina. I militari russi hanno dichiarato di non avere prove per smentire uno scenario, coinvolgendo i ribelli ucraini che catturano il missile dell’esercito ucraino, ma hanno sottolineato che i funzionari ucraini hanno negato pubblicamente che qualcosa del genere non sia mai accaduto. Il volo MH17 della Malaysian Airlines è stato abbattuto sull’Ucraina orientale il 17 luglio 2014, cadendo nella parte del paese detenuta dai ribelli. Lo schianto ha causato la morte di 283 passeggeri e 15 membri dell’equipaggio, la maggior parte dei quali cittadini olandesi.

La Russia è stata accusata dai media occidentali nei primi giorni dopo la tragedia, ancor prima che fossero raccolte prove sul terreno. La squadra investigativa congiunta, che è guidata dai Paesi Bassi, include l’Ucraina, ma non la Russia. Mosca ritiene che l’indagine sia parziale, non riuscendo a ottenere tutte le prove necessarie dall’Ucraina e facendo affidamento su fonti discutibili, ignorando le prove fornite dalla Russia, che non si adatta alla teoria favorita da Kiev.

Ad esempio, Mosca ha affermato che non è mai stata testata una teoria secondo la quale l’aereo potrebbe essere stato abbattuto da un jet da combattimento individuato dalle stazioni radar russe vicino al volo MH17. La teoria fu successivamente dimostrata falsa dalla scoperta di detriti dal razzo Buk.

Tradotto ed Adattato da NuovaVoce.net

LEGGI ARTICOLO ORIGINALE

GRADITO LA LETTURA? CONDIVIDI CON I TUOI AMICI!

Annunci
Condividi ed Informa

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Annunci
Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: