Annunci

Il capo dei sostenitori delle cellule ISIS si fa esplodere per evitare l’arresto in Russia

17 Apr, 2018 fonte RT

Il leader di una cellula terroristica, che aveva legami con il gruppo jihadista dello Stato islamico, si è ucciso con un ordigno esplosivo per evitare di essere arrestato, hanno detto le forze dell’ordine russe.
La cellula stava pianificando attacchi con bombe e armi da fuoco nella regione russa di Rostov, ma è stata identificata e ostacolata prima di poter agire, ha riferito il Servizio di sicurezza federale (FSB) martedì.

Le truppe del FSB hanno condotto un raid contro il gruppo, il suo servizio stampa ha riferito ai media russi. Il leader delle cellule è rimasto ucciso quando ha fatto esplodere una bomba fatta in casa. Tre dei suoi complici sono ora in custodia.

La cellula stava preparando attacchi basati su ordini ricevuti dal gruppo terroristico Stato Islamico (IS, ex ISIS) in Siria, secondo il rapporto.

La scorsa settimana, il capo dell’FSB Aleksandr Bortnikov ha riferito di aver bloccato sei attacchi terroristici quest’anno, metà dei quali erano programmati in coincidenza con le elezioni presidenziali dello scorso mese.

Tradotto ed Adattato da NuovaVoce.net

LEGGI ARTICOLO ORIGINALE

GRADITO LA LETTURA? CONDIVIDI ED INFORMA

Annunci
Condividi ed Informa

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Annunci
Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: